martedì 13 ottobre 2009

IDENTIKIT

di Maurizio Alberto Molinari (maopoemantikha@libero.it)

Soffia,
e una tiepida voce
dice di me,
del mio cuore,
del mio respiro;
Soffia,
un verde perso
racconta ai miei occhi:
dì loro il colore,
dì loro il candore,
dì loro l'amore.
Soffia,
di ciò che fui
né sarò mai,
di ciò che respirai
né più avrò mai,
di ciò che vidi
né più mi apparirà.
Soffia,
in me una nuova presenza,
uno strano amico
neppur cercato,
di un abbraccio eterno
mai più allontanato.
Soffia,
delle mie lacrime perse
eppur ritrovate,
cercate,
riavute
eppur non ritrovate.
Soffia,
dalle onde amate,
dagli spruzzi giocati,
dai tuffi,
dal cuore,
dal mio mare.
Soffia,
la mia pianura,
é il mio eden,
perduto e non più ritrovato,
poiché se mai ne avrò
sarà comunque un altro
e non più il mio puro.
Soffia,
sulle ali della giovinezza,
sulle spalle un po' esagerate,
sui muscoli inevitati,
sugli occhi tristi,
su un cuore lieve
eppur tenace,
e infine
dolce e perdente.
Soffia,
di un cielo che in corsa
gioca con ombre e raggi
mai più imitati.
Soffia,
di una terra vicina
e poi lontana,
di ciò che pulsa
per me finché un alito
vivrà per me e
per te,
amico che vieni.

(Il passeggero, Il Filo, 2006)

Creative Commons License
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.

6 commenti:

  1. erwin de Greef13 ottobre 2009 19:51

    ahahahahah... bellissima poesia: un po' del tipo "cosa ti scrivo e ti dico" ... Sono contento: del fiore che sboccia dal sentire di questa poesia, dal fiorire di questa rivista. E dire che MAO mi aveva detto di non amare le poesie lunghe: ed è emozionante ciò che è vissuto.

    Erwin

    RispondiElimina
  2. Grazie Erwin,

    non smentisco la mia preferenza per la brevità, tuttavia Federico me ne aveva chiesta una po' più lunga e io ho pensato subito a questa.
    Diciamo che spesso riesco a dire moltissime cose con la sintesi e quindi questa forma, spesso, la preferisco ma tutto quanto ben scritto non soffre mai di lunghezza caro Erwin, tu ne sei un chiaro esempio.
    A presto
    Mao

    RispondiElimina
  3. Quanto è dolce questa poesia...sembra di sentirlo quel soffio....Mi piacciono le tue poesie....e leggerle mi arricchisce...Un bacio
    Angela Ragusa

    RispondiElimina
  4. Meravigliosa poesia,forse la mia preferita tra le tante tue bellissime, perfetta ieri, oggi e domani....un abbraccio, Babi

    RispondiElimina
  5. adriana Ingrassia2 dicembre 2009 22:22

    Soffia...versi velatamente malinconici, ricchi di grande intensità emotiva, l'animo umano nel lungo percorso della propria esistenza...vive le molteplici vicissitudini della vita...Un soffio ..leggero e soave che pur trascina l'esistenza dell'uomo sempre alla ricerca di risposte ..Le inquietitudini ci tormentano..Ma un soffio ci sospinge pur sempre ad andare oltre..Bellissima molto sentita..Grazie Maurizio..un bellissimo dono ..Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. La delicatezza e la bellezza di questa poesia è come un soffio di gradevoli fragranze che t'invadono.... grazie mao baci e complimenti
    deb

    RispondiElimina